Torta di pollo: quale vino abbinare?

Torta di pollo: quale vino abbinare?

torta di pollo
La torta di pollo è una ricetta di origine anglosassone, ormai molto diffusa sulle tavole brasiliane. Conoscerne gli ingredienti nel dettaglio ci aiuterà nella scelta del miglior vino italiano da abbinare.

Per l’impasto (6 persone):

  • 400g di farina
  • 200g di burro
  • 120ml di acqua fredda

La preparazione è rapida. Mettete in un frullatore la farina e il burro. Una volta che il burro si sarà amalgamato alla farina mettete il composto su un ripiano freddo e iniziate a impastare aggiungendo poco alla volta l’acqua fino ad ottenere un impasto elastico e compatto. Lasciate riposare l’impasto avvoloto nella pellicola per almeno 40 minuti prima di utilizzarlo.
Se non avete né tempo né voglia (come noi) potete sostituire questo passaggio comprando della pasta sfoglia già pronta o della pasta briseè.

Per il ripieno:

  • 1 kg di pollo
  • 300g di funghi champignon
  • 2 porri
  • 1 uovo
  • sale e pepe q.b.

Dopo aver fatto bollire il pollo sfilacciatelo. Soffriggete porri con olio e un bicchiere di brodo di pollo per circa 10 minuti. Aggiungete quindi il pollo rosolandolo su tutti i lati e, solo alla fine, aggiungete i funghi.

Un consiglio: se volete un composto cremoso, in un tegame a parte fate sciogliere 40 grammi di burro con 30 grammi di farina per ottenere una specie di besciamella da aggiungere a fine cottura al nostro ripieno.

Ora componiamo la nostra torta di pollo. Stendete l’impasto in 2 fogli da 2mm stendendone uno sul fondo di una tortiera. Riempitelo con il preparato di pollo e stendete sopra il restante foglio. Tagliate i bordi in eccesso, bucherellate la sommità della torta e spennellate il tutto con l’uovo sbattuto.
Mettete in forno per 50 minuti a 190 gradi e la torta è pronta!

ABBINAMENTO CON IL VINO

Questa torta di pollo è adatta a essere servita in diversi momenti del nostro pasto.
Può essere presentata nei buffet come sostanzioso aperitivo: in questa circostanza vi consigliamo di accompagnarla un bianco secco giovane (1-2 anni) a vena acida, anche leggermente frizzante da servire ad un temperatura di circa 10 gradi. Noi di solito scegliamo un Greco di Tufo.

Qualora invece vogliate servirlo all’interno del pasto o come portata principale potete avvicinargli un vino rosso anch’esso giovane e secco, leggermente fruttato come il Merlot (noi l’abbiamo provata con il Frappato con ottimi risultati)

In ogni caso optiamo per un vino leggero (bassa gradazione alcolica) per accompagnare la leggerezza del piatto.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *