Spumante: come scegliere?

Spumante: come scegliere?

spumanteConsigli e insegnamenti per non sbagliare la scelta dello spumante 

Quale vino è adatto a non sbagliare nelle grandi occasioni (feste o grandi cene)? Sicuramente le bollicine dello spumante sono quanto di più adeguato non solo per festeggiare con il “botto” ma anche per accompagnare il pasto dall’aperitivo fino al dolce.

Siamo soliti bere lo spumante mangiando dolci di ogni genere e sorta (benedette siano le ricorrenze!), ma ci dimentichiamo spesso che gli spumanti sono adatti anche a legarsi con alcune portate tipiche dei cenoni a seconda del grado di invecchiamento e in base alla prevalenza di uva bianca o nera. Distinguiamo prima di tutto gli spumanti secchi da quelli dolci, dove per secco si intende il basso contenuto zuccherino. Nella maggior parte dei casi troveremo quindi sull’etichetta, in base al contenuto zuccherino e in ordine crescente:

  1. Extra Brut: Spumante dal sapore secco, pulito, con delicata nota acidula, è ideale per l’aperitivo, adatto ad antipasti, pesce crudo (sushi) e carpaccio di pesce, primi piatti delicati e secondi di pesce.
  2. Brut: il più classico, leggermente fruttato ottimo per tutto il pasto
  3. Dry: È un vino che si accompagna bene a dessert non troppo dolci, foie gras, frutti di mare con vena amarognola tipo cozze.
  4. Dolce: adatto ai dessert e alla frutta.

Troveremo poi sigle come cremant (poco frizzante), cuvee (ottenuto da diverse uve e/o di prima spremitura) millesime (ottenuto con attraverso la lavorazione di uve di una sola annata). Il prezzo di uno spumante millesimato è in generale più alto di uno spumante “normale”  perché solitamente i produttori riservano per la sua realizzazione le uve migliori)

Tornando in Italia per chi di voi preferisce i vini più dolci consigliamo gli spumanti piemontesi (soprattutto il particolarissimo Brachetto) che offrono moltissime varietà di bollicine più delicate e fruttate, oltre a moscati di ottimo livello anche se non si possono considerare spumanti a tutti gli effetti. Per i palati più raffinati e inclini al gusto secco consigliamo gli splendidi spumanti della Franciacorta tranquillamente paragonabili ai più famosi champagne.

Menzione a parte merita il Prosecco. Ormai da diversi anni ha rimpiazzato il blasonato champagne per festeggiare l’anno nuovo in tutto il mondo e a ragione, senza farlo rimpiangere. Ha un ottimo rapporto qualità/prezzo è molto più easy dello champagne, ma soprattutto molto meno choosy. È un vino spumante da uve glera prodotto esclusivamente in Veneto nelle zone di Conegliano e della Valdobbiadene. Nessuno produttore al di fuori di questa zona può chiamare Prosecco il suo spumante: http://www.marcadoc.it/2009/Prosecco-docg-garantita-la-docg-per-la-zona-storica.htm

Qualunque sia la scelta, ricordatevi sempre che lo spumante ha bisogno di una lavorazione molto lunga e delicata: non fidatevi di bottiglie che costano poco, e se il vostro budget non è da alto puntate su un buon prosecco.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *