Spritz, un aperitivo tutto italiano

Milano è famosa oltre che per il suo Duomo, la moda ed il cenacolo di Leonardo da Vinci anche per l’immancabile aperitivo. Dopo lavoro e nei week-end è tradizione ritrovarsi nei bar e nei locali milanesi a dimenticare lo stress del lavoro o ad iniziare una serata sorseggiando un cocktail fresco.

 

Vere e proprie cene vengono proposte ai banconi dei locali dove, al prezzo di una consumazione, ci si può liberamente servire primi piatti caldi, secondi di carne, stuzzicchini e formaggi. Svariati sono anche i drink da scegliere: si passa dagli anacolici alla frutta, agli shakerati, al negroni (il più tipico tra i cocktail milanesi, composto da 1/3 di gin, 1/3 di vermout e 1/3 di campari) e, perché no, anche da una bella caipirinha di velho barreiro. Ma non c’è cosa migliore per me, di famiglia veneta, che gustarmi un frizzante spritz.

Lo spritz nasce vicino alla splendida Venezia ma si diffonde rapidamente in tutta Italia. Non esiste una composizione univoca per lo spritz, ma varianti cittadine, a loro volta interpretate liberamente dai baristi. Un comune denominatore tra le varianti esistenti è comunque la presenza di Prosecco e acqua gassata o seltz, che quantitativamente devono essere almeno al 40% e al 30%; il restante 30% viene completato dalle più svariate tipologie di bevande alcoliche, a volte anche mischiati, con la regola non scritta di preservare una colorazione rossa del cocktail.

Lo spritz è perfetto per l’aperitivo. È una bevanda non troppo alcolica, ma comunque allegra e sicuramente adatta all’orario. Può essere servita con ghiaccio nelle giornate più calde o per rinfrescarsi sulla spiaggia dopo una giornata di mare. Inoltre, grazie al suo gusto dolce, piace molto anche alla donne che lo adorano dopo una giornata di lavoro. Come si intuisce la preparazione è semplice e gli ingredienti facile da trovare oltre che economici.

La versione che preferisco è sicuramente quella di Treviso:

▪       5/10 prosecco

▪       3/10 di Aperol o Campari

▪       2/10 di acqua preferibilmente gasata

▪       una oliva non snocciolata oppure, per i più cool, una fettina di arancia

Servitelo con una ciotola di arachidi, olive e salatini e vi assicuriamo che non deluderete i vostri amici!

Conosci meglio il Prosecco.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *