Le caratteristiche del vino bianco in base all’uva

Per sapere cosa ci aspetta dietro all’etichetta (e al nome) che stiamo comprando una conoscenza, anche sommaria, dell’uva e delle sue caratteristiche ci renderà più consapevoli nell’acquisto.
Riportiamo in quest’articolo i vitigni bianchi più diffusi in Italia:

VINI BIANCHI:

1. Chardonnay: è largamente impiegata nella produzione di vini sia singolarmente che unitamente ad altre uve. Dal suo utilizzo vengono ottenuti ottimi vini di gradazione alcolica alta, in genere frizzanti, dal colore giallo delicato e dal gusto fruttato e armonico. I vini doc prodotti con l’ uva chardonnay sono molteplici: dallo spumante, allo Champagne, a vini novelli.

2. Sauvignon Blanc: i suoi aromi sono prevalentemente erbacei e vegetali, spesso ricordano l’ortica e il peperone verde, ma anche aromi più insoliti e che non ci si aspetterebbe di trovare in un vino, come quello di urina di gatto. Sono completati anche da affascinanti note di frutta, molto spesso anche da frutta esotica, come il litchi, ananas e frutto della passione.

3. Prosecco: è possibile elaborare vini nella tipologia sia ferma che frizzante. Quest’ultima tipologia, un tempo la meno rappresentativa dei vini prodotti con questa varietà, oggi rappresenta il maggior utilizzo di questo vitigno.
Dà un vino di colore giallo dorato scarico o paglierino, di sapore asciutto o anche amabile, delicatamente profumato, caratterizzato da descrittori di fiori bianchi,
di frutti a polpa bianca ed anche speziati od erbacei.

4. Traminer: (L’appellativo Gewürztraminer è concesso solo ai DOC Alto Adige) raffinato ed elegante è caraterizzato da morbidezza abbinata ad un bouquet aromatico potente.

5. Malvasia: ne esistono talmente tanti tipi che è impossibile trovare caratteristiche comuni! L’unica soluzione è assaggiarlo!