Bonarda

Uva:
uva croatina oppure uva bonarda piemontese

Gradazione alcolica minima:
11,5%

Zona geografica:
Il Bonarda di uva croatina viene prodotto principalmente in Lombardia (Oltrepo Pavese, Colli Piacentini) mentre il Bonarda di uva Bonarda piemontese è prodotto esclusivamente in Piemonte.

Caratteristiche:
Nonostante anche il vino prodotto con uva croatina venga comunemente chiamato Bonarda è bene tener distinti i due vini che presentano caratteristiche diverse:

  1. Bonarda piemontese: vino di bassa acidità, fresco e zuccherino in alcuni casi leggermente frizzante al palato.
  2. Bonarda dell’Oltrepo o dei colli Piacentini: vino amabile che mantiene la caratteristica bassa acidità con un tenore alcolico più accentuato ed un gusto pieno

Temperatura di servizio:
Meglio servirlo tra i 16 e i 18 gradi, ma se frizzante può essere servito anche a temperature più basse intorno ai 12-14 gradi.

Curiosità:
Il nome Bonarda fu dato a quest’uva prodotta nelle colline torinesi nel 1799 dal conte Nuvolone per indicare un vitigno che dava un’uva buona.

Abbinamenti enogastronici:
Trova abbinamenti in tutto il pasto, come vino da tavola quotidiano, utile negli antipasti di salumi freschi, per i primi al sugo leggeri o carni rosse e bianche non elaborate. Può essere abbinato anche a frittate e verdure, sia grigliate che lesse.