Bruschetta, una tradizione del churrasco italiano

È tipico preparare durante un churrasco italiano le bruschette come “contorno” tra le varie portate di carne. Qualora non l’abbiate provata, consiglio tutti gli amici brasiliani di provare ad accompagnare anche i loro churrasco con questo pane condito tipicamente italiano.

La Bruschetta nasce tra la Toscana e il Lazio e deriva il nome dal dialetto italiano in quanto il bruscato è la fetta di pane abbrustolita al forno o sulla brace che è alla base di questo piatto. Il condimento poi è a vostro piacimento.

La più classica Bruschetta all’italiana è condita con:

  • Pomodori
  • Olio
  • Sale
  • Basilico
  • Aglio

La preparazione è molto rapida. Tostate una fetta di pane sulla brace (se siete in casa potete farlo in forno) e strofinatela con uno spicchio d’aglio. Nel frattempo in una ciotola tagliate a pezzettini i pomodori condendoli con olio, sale e basilico. Lasciate macerare per almeno mezz’ora il composto spalmandolo sul pane non appena tutti i sapori si saranno amalgamati.

La bruschetta però è aperta a molte interpretazioni e fantasie sfiziose.
Se nel vostro churrasco state preparando delle salsicce potete spalmare la pasta della salsiccia sul pane già leggermente tostato e cuocerla sulla brace con la salsiccia rivolta verso il basso.
Se avete imparato grazie al nostro articolo a preparare il pesto potete condire il vostro bruscato con questa salsa. Se invece siete appassionati di pizza potete stendere un leggero strato di passata ricoprirlo con origano e mozzarella e scaldare tutto nel forno fino a che il formaggio non sarà filante. Per ultimo potete anche grigliare delle verdure, come peperoni o melanzane, per sostituire i pomodori.

Non c’è piatto più semplice per abbinare i vini. La bruschetta va bene con tutto, dipende dalle situazioni. Se siete nel mezzo di un churrasco un buon chianti accompagnerà deliziosamente il vostro pomeriggio, se la state servendo come aperitivo un buon bianco leggero come il Passerina o uno spumante fanno al caso vostro.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *